The blog-chronicle about my dream week in NY- DAY 2

DSC00185

Hola! Pronta per descrivervi il secondo giorno a New York…spero solo di ricordare tutto quello che abbiamo visto e fatto, perché da domenica in poi è iniziato il tour de force che ha portato al lento e inesorabile consumo dei miei poveri piedi!

Svegliarsi la mattina con la consapevolezza di essere a New York è quanto di più magico possa accadere…certo appena ho aperto gli occhi mi sembrava ancora un sogno, ma quando ho avuto consapevolezza dell’ubicazione del mio corpo mi sono sentita al settimo cielo!

Domenica abbiamo deciso di camminare e vedere dove ci portava la città, senza programmi  e senza mete prestabilite. Scendendo sulla Fifth, siamo arrivati al Flatiron District, il quartiere  dove si trova il Flatiron Building, il famoso palazzo a forma di ferro da stiro, vicino al Madison Square Park. Davvero non sapevamo da che parte guardare e abbiamo rischiato più di una volta di sbattere contro i pali!

DSC00189IMG_0001

La seconda tappa è stata il quartiere Chelsea, e ovviamente il Chelsea Market. Abbiamo visitato prima una mostra di fotografia d’epoca in cui, tra l’altro, il responsabile(puccissimo e gentilissimo!!!) ci ha dato qualche dritta sulle zone da vedere e sulle particolarità del museo Whitney.

DSC00194

Il Chelsea Market è un grande mercato coperto all’interno dell’ex fabbrica degli Oreo. Qui c’è veramente di tutto! Io e il mio amore siamo golosi di dolci per cui ci siamo fatti subito attirare da Eleni’s, un negozio di cookies americani. Ci siamo contenuti e ne abbiamo comprati solo di tre tipi, ma vi giuro che c’era da lasciare la dignità li dentro. Dopo neanche due passi ecchillà un negozio di brownies, il Fat Witch Bakery. Non ve li descrivo neanche se no soffro!

Oltre ai vari negozietti qui al Chelsea Market è possibile mangiare qualsiasi tipo di piatto. Soprattutto sushi direttamente al banco del pesce. Purtroppo non avevamo per niente fame e ci siamo ripromessi di tornare nei giorni seguenti. Ovviamente non ci siamo riusciti!! Sigh Sob!DSC00199DSC00205

Alla fine del Chelsea c’è l’ingresso per l’High Line, la ex ferrovia sopraelevata poi riqualificata in parco urbano dall’associazione dei residenti della zona, la Friends of High Line. Anche qui da strabuzzare gli occhi! Un vero polmoncino nel cuore di Manhattan! Qui è anche possibile sdraiarsi comodamente su uno dei lettini in legno installati tra la vegetazione e prendere il sole o improvvisare un pic nic.

Al termine della High Line c’è il Whitney Museum, a cui però abbiamo preferito una lunga passeggiata lungo l’Hudson.

IMG_5894

E siamo arrivati al Greenwich Village: il mio posto felice! Secondo me il quartiere più bello di Manhattan, altro che Upper di qua e Upper di la. Sembra di stare in un piccolo villaggio a parte, lontano dal caos, dai rumori e dall’asfalto rovente. Le strade sono tutte di ciottolini e ombreggiate da entrambi i lati da enormi alberi.

Chiaramente non potevamo astenerci dal Magnolia Bakery, dove si trovano i cupcakes più buoni del mondo! Il mio amore non ha aspettato neanche un secondo e la foto è del cupcake superstite, anche se mezzo addentato.

Altra tappa obbligata, almeno per me che sono una grandissima fan di Sex And The City, è stato il portone della casa di Carrie. Aaaaaa mi aspettavo che da un momento all’altro sbucasse Samantha 🙂DSC00226IMG_5901IMG_5915

Per la strada ci siamo fermati in alcuni negozi pazzeschi: uno con le pareti interamente tappezzate di scarpe da basket rarissime e limited edition; un altro era come un tunnel infinito di maschere, travestimenti macabri, peluche di ragni giganti, spade laser e chi più ne ha più ne metta; siamo entrati in un negozio di fumetti siile alla fumetteria da Stuart di Big Bang Theory (il mio amoruccio sprizzava felicità da tutti i porellini ♥ ).  E poi ci siamo persi allo Strand Bookstore, tre piani di immenso!

IMG_0034

Una volta riemersi dai libri siamo passati da Washington Square Park e abbiamo avuto la fortuna di assistere ad uno spettacolo divertentissimo di artisti di strada. Ci hanno tenuti inchiodati per una buona oretta!

IMG_5944IMG_6517

Abbiamo visto la NYU e poi Union Square. A questo punto riuscivamo a camminare a stento e siamo dovuti ricorrere al taxi per raggiungere il palazzo di vetro dell’ONU.

Da qui ci siamo trascinati alla Grand Central Station (bellissssssssssssssssssssima!!!), poi a St Patrick’s Cathedral (che purtroppo era già chiusa), al Rockefeller Center e infine a Broadway.

In tutto ciò non avevamo toccato cibo dalla colazione, quindi ci siamo letteralmente lasciati avvolgere dalla fila dello Shake Shack, una catena di fast-food che non ha niente a che vedere con il Mac! I prodotti sono bio e di ottima qualità, e anche se gli hamburger sono un pò piccolini il sapore è davvero delizioso!

IMG_6537

IMG_5971IMG_5976

Nonostante fossimo stanchi morti e con i piedi a pezzi, ci siamo fermati ad un bar di fronte al Madison Square Garden: giocava il Cleveland e la mia dolce metà, oltre ad essere grande appassionato di calcio, tennis, rugby, baseball, nuoto, golf, ping pong e qualsiasi altro sport mi possa venire in mente, è anche un accanito tifoso di basket. Non potevo negargli di vedere la partita a New York, di fronte allo stadio. Mi sono anche finta coinvolta, approfittando di quando si voltava per leggere la guida!!

Verso le 23 siamo riusciti ad arrivare in hotel, senza ovviamente saltare la consueta visita a una delle pharmacies della zona…ah! quanto mi piacevano!!

IMG_5982

♥ ♥ ♥

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...